Piano-Aria-dal-4-ottobre-a-Castenaso-e-Granarolo-potranno-circolare-anche-i-diesel-Euro-4.-I-due-Comuni-derogano-alle-disposizioni-del-PAIR-2020-e

I Comuni di Castenaso e Granarolo la pensano allo stesso modo: limitazioni del traffico sì, ma non così «eccessivamente penalizzanti». A partire dal 4 ottobre, nel territorio delle due città si 'addolciscono' le restrizioni previste dal Piano Aria Regionale PAIR 2020: nella fascia del blocco sarà consentita la circolazione anche agli autoveicoli diesel Euro 4. Il divieto previsto dal piano aria è stato infatti ritenuto eccessivamente penalizzante, in considerazione inoltre dell'assenza di un provvedimento simile nelle altre regioni della Pianura Padana. La deroga alle disposizioni del Piano aria regionale 2020 (PAIR) però non sarà in vigore — e quindi i mezzi diesel Euro 4 dovranno rimanere fermi — se il bollettino di qualità dell'aria emesso da Arpae nei giorni di lunedì e giovedì evidenzi nei 4 giorni precedenti e consecutivi uno sforamento continuativo del valore limite giornaliero pari a 50 microgrammi/m3 di PM10 (livello di allerta 1).

Le disposizioni in vigore a Granarolo sono indicate nell'ordinanza in vigore fino al 31 marzo 2019.

Quali veicoli sono soggetti al divieto di circolazione:

  • veicoli BENZINA PRE-EURO, EURO 1 
  • veicoli DIESEL PRE-EURO, EURO 1-2-3
  • ciclomotori e i motocicli PRE-EURO

Quando: dalle 8.30 alle 18.30, dal lunedì al venerdì e nelle domeniche ecologiche (4/11/2018 - 2/12/2018 - 13/01/2019 - 3/02/2019 - 3/03/2019). Sono escluse dallo stop i festivi di giovedì 1/11/2018, martedì 25/12/2018, mercoledì 26/12/2018, martedì 01/01/2019.

Dove: nel centro abitato di Granarolo ad esclusione dei seguenti itinerari stradali:

  • Via San Donato, nel tratto a Sud del capoluogo compreso tra l'inizio del centro abitato di Granarolo dell'Emilia e la Via dell'Artigianato, incluso il parcheggio posto innanzi al supermercato di Via San Donato 72/2°;
  • Via San Donato, nel tratto a Nord del capoluogo compreso tra l'inizio del centro abitato di Granarolo dell'Emilia ed il parcheggio presente innanzi al civico n. 116;
  • Via Del Mulino nel tratto compreso tra Via San Donato e Via Dell'Artigianato;
  • Via Passerotta, Via Pellegrino Matteucci, Via Dell'Artigianato.

Possono sempre circolare i veicoli a metano, gpl, elettrici, ibridi, car pooling (con ameno 3 persone a bordo), trasporti speciali e mezzi in deroga. Apri l'ordinanza per conoscere in dettaglio le deroghe

Da quest'anno le limitazioni riguardano anche il riscaldamento domestico: stop agli impianti a biomassa legnosa di categoria <= 1 stella se è presente un sistema di riscaldamento alternativo

Misure misure emergenziali

Quando si superano i limiti di PM10 per più giorni consecutivi, scattano le misure emergenziali, dal giorno dopo quello di controllo dei valori (lunedì o giovedì) fino al successivo giorno di controllo compreso.

In questi giorni alle limitazioni alla circolazione previste dal lunedì al venerdì, si aggiungeranno:

  • il divieto di circolazione dei mezzi diesel Euro 4;
  • il divieto di uso di biomasse per il riscaldamento domestico (in presenza di impianto alternativo) con classe di prestazione emissiva minore di 3 stelle (nel caso di 4 giorni giorni di superamento di PM10) o 4 stelle (in caso di 10 giorni o più consecutivi di superamento dei limiti di PM10);
  • l’abbassamento del riscaldamento fino a un max di 19° nelle case e 17° in attività produttive e artigianali;
  • il divieto di combustione all’aperto;
  • il divieto di sosta con motori accesi;
  • il divieto di spandimento di liquami zootecnici senza tecniche ecosostenibili.

Servizio di sms di allerta

Per ricevere gratuitamente l'avviso di allerta via sms o mail, nel caso scattino le misure emergenziali, invitiamo a iscrivervi al servizio gratuito di messaggistica della Città Metropolitana di Bologna. Per ulteriori info o per iscriversi vai su www.cittametropolitana.bo.it/pianoaria.

Limitazioni al riscaldamento

In tutte le unità immobiliari del territorio comunale dotate di sistema di riscaldamento multicombustibile (compresa energia elettrica), è vietato utilizzare biomasse combustibili solide (legna, pellet, cippato, altro).

E' vietato installare generatori di calore funzionanti a biomasse combustibili solide dotati di classe di qualità inferiore alle 3 stelle.  

Nei generatori di calore funzionanti a pellet per i quali non vige il divieto di cui sopra (cioè certificati almeno 3 stelle), è fatto comunque obbligo di utilizzare pellet che sia stato certificato da un Organismo di certificazione accreditato conforme alla Classe A1 della norma UNI EN ISO
17855-2 2014.

Per ulteriori info apri l'ordinanza in vigore a Granarolo fino al 31 marzo 2019

Apri il volantino