Il-Comune-che-verra-lo-vediamo-cosi-i-disegni-dei-loghi-per-la-fusione-di-Granarolo-e-Castenaso

La fantasia e la creatività dei ragazzi delle scuole di Granarolo e Castenaso si sono messe all’opera per immaginare il futuro del nostro territorio in un unico Comune.

Il risultato sono numerosi disegni che sono arrivati dai ragazzi delle classi quinte delle scuole primarie e del triennio delle secondarie di primo grado (medie): un contributo colorato, gioioso, quasi commovente, che ben racconta come i più giovani vedrebbero rappresentato in unico logo il Comune che potrebbe nascere dalla fusione di Granarolo e Castenaso.

È questa la bellissima risposta alla sfida lanciata con il concorso di idee promosso dalle due Amministrazioni, in cui si invitavano gli studenti a proporre un nuovo logo per la nuova Città. Ognuno ha interpretato il tema a modo proprio, realizzando un’idea con i mezzi e le risorse artistiche a disposizione. Tutti ci hanno messo cuore e passione, cura e diligenza, come è giusto che sia quando ci si trova di fronte a un compito importante.

Per la commissione che ha giudicato le opere dei nostri ragazzi - composta da insegnanti delle scuole, dirigenti scolastici e sindaci dei due Comuni - è stato un piacere vedere come i lavori siano stati svolti con grande serietà e profondità, come sono soliti fare i bambini e i ragazzi che sanno sempre essere seri e riflessivi anche quando giocano. Da loro sono venuti punti di vista inediti e originali sul senso che si potrà attribuire all’unione, a volte con più spontaneità, altre volte con capacità che fanno magari prefigurare futuri talenti nel design.

A tutti coloro che hanno voluto partecipare, e agli insegnanti che hanno coordinato la partecipazione al concorso e nel corso dell'anno scolastico hanno lavorato sul tema delle istituzioni e della storia dei due Comuni, va un sentito ringraziamento.

I loghi risultati vincitori sono quelli proposti da Margherita Marcaccio per Castenaso e Cristina Rapparini per Granarolo, a cui vanno 500 euro ciascuno da spendere in buoni libro. Le due opere, che restano di proprietà dei Comuni, saranno la bozza creativa da cui partire e di cui dovranno tenere conto i grafici professionisti che, quando la fusione sarà realtà, lavoreranno sul logo definitivo del nuovo Comune.

Sulla base dei risultati, crediamo che questo concorso abbia interpretato pienamente l’auspicio di Maria Grazia Cortesi, dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo di Granarolo, quando l’idea era stata lanciata: “La scuola e gli enti locali – aveva commentato la dirigente - hanno proprio questo compito: rafforzare l'identità territoriale attraverso lo sviluppo di reti, partenariati e azioni di miglioramento strategiche utili a costruire socialmente un'apertura verso il futuro ma portatrice dei nostri valori”.

Vincitori-bassa-risoluzione

Nella foto di copertina e qui a fianco: a sinistra la proposta di Cristina Rapparini per Granarolo e a destra la proposta di Margherita Marcaccio per Castenaso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

proposte-bassa-risoluzione

Nella foto qui a fianco un'immagine d'insieme delle proposte dei ragazzi