Contributi-sulle-spese-per-badanti-e-case-di-riposo

I sindacati dei pensionati hanno raggiunto un accordo con il Distretto Sanitario Pianura Est, concordato anche con il Comune di Granarolo, che prevede un contributo pari al 10% della spesa sostenuta nel 2018 (fino a una massimo di 1500 euro) per chi ha usufruito di un’assistente familiare a domicilio (un/una badante).

Per ottenere il contributo bisogna risiedere in uno dei Comuni del Distretto, essere non autosufficienti, avere più di 65 anni e avere un ISEE non superiore ai 35.000 euro annui e avere l’assunzione dell’assistente ad almeno 25 ore settimanali (con inquadramento professionale livelli C o D profilo super). Inoltre non si deve beneficiare dell’assegno di cura o altre prestazioni assistenziali continuative.

L’accordo prevede invece un contributo pari al 10% della spesa sostenuta (fino ad un massimo di 2.000 euro) per tutti gli over 65 non autosufficienti temporaneamente ricoverati in strutture residenziali accreditate, ma non convenzionate. In questo caso i requisiti sono, oltre alla residenza, la valutazione BINA di almeno 500 punti, essere già nelle graduatorie per accedere alle strutture convenzionate, avere un reddito ISEE non superiore ai 35.000 euro annui.

La domanda dovrà essere presentata entro il 15 gennaio 2019 al Servizio Sociale del Comune, non appena sarà pubblicato il bando.

Per informazioni ci si può anche rivolgere alla sede SPI CGIL nel territorio (via San Donato 203 a Granarolo).