Ambito-produttivo-misure-incentivanti-per-cambi-di-destinazione-d-uso-e-riqualificazione-edifici

Ad integrazione e per meglio definire quanto pubblicato in data 19 maggio 2019 si comunica che l'Amministrazione Comunale, con Deligera di Giunta n. 36 del 21/03/2019, ha approvato l'applicazione di misure incentivanti i cambi di destinazione d’uso nell’ambito produttivo e la realizzazione di nuovi edifici negli ambiti di riqualificazione produttiva, nonché misure ad incentivo della rigenerazione, riuso e rinnovamento del patrimonio edilizio produttivo esistente, stabilendo che:

  • per cambio di destinazione d'uso, in ambiti produttivi, e interventi di nuova costruzione, in ambiti produttivi di riqualificazione, sia prevista una riduzione del 50% della monetizzazione per parcheggi e verde pubblico;
  • in tutti gli ambiti produttivi esistenti sia prevista una riduzione del 50% della monetizzazione per parcheggi e verde pubblico per interventi finalizzati al miglioramento o adeguamento sismico ed efficentamento energetico, comprendendo anche gli interventi di demolizione e ricostruzione;
  • in tutti gli ambiti produttivi esistenti il cambio d'uso senza opere con incremento di carico urbanistico comporterà la sola corresponsione del conguaglio degli oneri di urbanizzazione dovuti per il nuovo uso detratto quanto già versato per la destinazione d'uso in essere;
  • in tutti gli ambiti produttivi esistenti il cambio d'uso correlato all'esecuzione di opere alla quota di conguaglio di oneri è sommata una quota per le opere con una riduzione del 20%.

E' prevista inoltre un'esenzione totale del pagamento degli oneri di urbanizzazione:

  • per interventi di ristrutturazione edilizia sui prospetti di qualunque edificio (residenziale e produttivo), riferiti alle sole opere di apertura, modifica o chiusura di porte e finestre, in assenza di incrementi di carico urbanistico;
  • per interventi di ristrutturazione edilizia sui prospetti, con le caratteristiche di cui sopra, correlati ad opere interne, solo se qualificabili come opere di manutenzione straordinaria.

In caso di interventi in sanatoria relativamente ai due punti precedenti si applicano i disposti di cui all'art. 17 comma 2 lett. b) della L.R. 23/2004.