Conferenza-dei-Servizi-sul-Centro-Tecnico-del-Bologna-F.C.-conclusa-con-parere-favorevole

Sottoscritto questa mattina l'accordo di programma tra il sindaco di Granarolo dell'Emilia, Loretta Lambertini, il vicepresidente della Provincia, Giacomo Venturi e il presidente del Bologna FC 1909, Albano Guaraldi.

Si è conclusa questa mattina presso il municipio di Granarolo dell'Emilia la Conferenza dei Servizi chiamata a esprimersi sull'accordo di programma tra il Comune di Granarolo, la Provincia di Bologna e il Bologna FC 1909 riguardante il progetto del nuovo centro sportivo della società rossoblu. Sulla base del parere favorevole della Conferenza dei Servizi, questa mattina è stato sottoscritto l'accordo di programma tra il sindaco di Granarolo dell'Emilia, Loretta Lambertini; il vicepresidente della Provincia, Giacomo Venturi e il presidente del Bologna FC 1909, Albano Guaraldi.
Ora l'accordo sarà ratificato il prossimo 4 aprile dal Consiglio comunale di Granarolo, che invierà poi la propria delibera alla Provincia di Bologna che, il 24, aprile pubblicherà il decreto che costituirà il formale via libera alla realizzazione del centro tecnico nell'area individuata tra gli abitati di Quarto Inferiore e Granarolo.
"La soddisfazione per essere giunti positivamente al termine di questo lungo percorso è grande - è il commento  il sindaco Lambertini -. Sappiamo di avere lavorato tenendo sempre di fronte a noi l'interesse della comunità granarolese, che in larghissima parte ha accolto con entusiasmo il progetto ed è stata continuamente informata e coinvolta. Siamo consci anche di avere offerto un'occasione importante a quel patrimonio collettivo di tutti i bolognesi rappresentato dal Bologna FC. Inoltre la collaborazione con gli enti partecipanti alla Conferenza dei Servizi è sempre stata proficua e ci ha confortato il riconoscimento del valore degli interventi migliorativi rispetto al progetto originale presentato dal Bologna calcio, che sono stati chiesti e ottenuti con la massima disponibilità da parte della società rossoblu, nell'ottica della massima tranquillità dei futuri fruitori dell'impianto. Siamo convinti quindi di aver conseguito un ottimo risultato e attendiamo ora con trepidazione di vedere finalmente realizzato il centro tecnico".
"Il dibattito è stato ampio, trasparente e partecipato, gli atti rispettosi delle regole e delle procedure - ha assicurato il vicepresidente della Provincia, Giacomo Venturi -. Concludere il procedimento e permettere al progetto di partite non è solo possibile e necessario, è doveroso. Il ricorso al TAR che qualcuno minaccia è una possibilità della quale chi lo promuove dovrà assumersi la responsabilità. Io sono tranquillo perché il procedimento è stato sotto i riflettori ed esaminato di diritto e di rovescio senza trovare problemi se non generiche e pregiudiziali opposizioni. Io rispetto chi ha idee diverse e non mi sono mai sottratto al confronto. Vorrei lo stesso trattamento e vorrei anche ricordare che il nostro ruolo, come quello dell'Amministrazione comunale, comporta che ad un certo punto una decisione vada presa. Questo lascia sempre qualche insoddisfatto, a questo punto chi non ha più argomenti ora paventa l'ipotesi che il centro tecnico si trasformi per magia in nuovo stadio: ipotesi che non sta né in cielo ne in terra".